Cultura

In onda corto " Nuraghes s'arena"

Locandina Nuraghes S'arena
Locandina cortometraggio Mauro Aragoni
Dietro le quinte, foto di Sonia Deiana
Dopo il successo della precedente fatica: "Quella sporca sacca nera"

Nuova produzione del giovane regista tortoliese Mauro Aragoni. Dopo il successo della precedente fatica: "Quella sporca sacca nera" ispirata ai western classici, e con cui ha vinto alcuni premi a Hollywood, Aragoni propone un corto fantasy - epico che ha anche tratti horror, tanto da essere tendenzialmente un lavoro rivolto agli adulti. . E' ambientato nella Sardegna dell'età del bronzo ed è la storia di Arduè, un guerriero ( interpretato dal rapper Salmo) che ha vissuto la morte della propria figlia e che è deciso a vendicarla. L'occasione gli si presenta quando, in un torneo segreto, ha la possibilità di combattere e vincere con ciascun lottatore per arrivare a sfidare l'uomo che ha ucciso sua figlia. Il torneo si svolge in un'arena di sabbia, che trasmette allo spettatore meravigliose immagini della Sardegna più arcaica e pura. Tra gli altri attori ci sono Ally MacLelland e Michael Segal. La Paramount Channel manifesta quindi chiaramente la voglia di dare spazio a registi giovani, brillanti e di talento, anche perchè questo nuovo corto, sulla scia del precedente, è stato prodotto con un budget ridottissimo, vicino ai 7000 euro ed in soli 3 giorni di lavoro; a riprova del fatto che un ottimo prodotto necessita di fondo della grande inventiva, propria del vero talento. A questo punto la speranza è che si trovino più agevolmente produttori disposti a scommettere su questo giovanissimo regista, che certamente sarà ancora a lungo protagonista del cinema. Ad Aragoni bisogna inoltre riconoscere la grande capacità di far conoscere la Sardegna da tante angolature, le rocce, le guglie, la sabbia, la macchia mediterranea, sono presentate con inquadrature eccellenti e scene che trasmettono tutte le atmosfere del paesaggio sardo, in particolare delle zone di Seui, ove sono state girate.

di SONIA DEIANA

Categoria: